· 

La guida definitiva per risolvere errore 500 Internal Server e pagine bianche vuote in WordPress

L'errore 500 Internal server Error del server è l'incubo degli utenti WordPress. È un messaggio di errore di tipo catch-all che significa esattamente: qualcosa da qualche parte è andato storto. Ancora peggio, il tuo sito WordPress potrebbe non presentare alcun errore e mostrare solo una pagina bianca vuota. Quindi, come puoi capire esattamente cosa c'è che non va, e risolverlo? Primo: non farti prendere dal panico, perché di solito è una soluzione facile! Quindi: segui questo processo di debug e il tuo errore del server interno di WordPress verrà risolto in pochissimo tempo.

I plugin WordPress causano l'errore 500?

Se hai appena installato un nuovo plug-in o se il tuo sito mostra un errore di tipo 500 dopo un aggiornamento principale di WordPress, la causa più probabile è un plug-in incompatibile. Ci sono molte ragioni per cui un plugin può essere compromesso:

  • WordPress potrebbe aver rimosso alcune funzioni fondamentali utilizzate dal plugin.
  • Potrebbe essere stato codificato per una vecchia versione di PHP e non essere stato aggiornato da anni.
  • Potrebbe semplicemente essere codificato in modo errato, ad esempio fare riferimento a nomi di database predefiniti piuttosto che usare prefissi. A volte siamo tutti colpevoli di codifiche pigre!

Identificare il plugin è facile se ne hai appena installato uno e l'errore è appena emerso. Ma come si può disabilitare il plugin se l'area di amministrazione è inaccessibile? E se non sapessi nemmeno quale plugin ha causato l'errore? Avrai bisogno dell' accesso FTP in entrambi i casi, ma un gestore di file basato sul web di CPanel o di Plesk funzionerà bene.

Soluzione:

Inserire un carattere di sottolineatura (_) all'inizio del nome della cartella dei plugin disattiva tutti i plugin.
Inserire un carattere di sottolineatura (_) all'inizio del nome della cartella dei plugin disattiva tutti i plugin.

Sapere con precisione quale plugin è rotto?

 

Trova il plugin ed eliminalo dalla cartella wp-content/plugins/.

Ora dovresti essere in grado di accedere di nuovo.

 

Trova un'alternativa per qualsiasi funzionalità tu voglia. Se non sei sicuro di quale plugin abbia causato l'errore, devi rinominare l'intero contenuto wp-content/plugins/ stesso. Metti un trattino basso ("_") davanti, quindi si chiamerà  _plugins.

 

Rinominando la cartella, si disattivano in modo efficace tutti i plugin contemporaneamente. Ora dovresti riuscire ad accedere nuovamente, ma sarai accolto da un elenco di messaggi di errore di WordPress che dicono "Il plugin something.php è stato disattivato a causa di un errore: il file plugin non esiste." Non ti preoccupare, non hai perso nessuna impostazione. Le impostazioni del plugin sono memorizzate nel database e la maggior parte dei plug-in le troverà di nuovo al momento della riattivazione.

Successivamente, rinomina nuovamente la cartella rimuovendo il carattere di sottolineatura.

 

Saranno tutti elencati nella pagina Plugin, ma in uno stato disattivato.

 

Ora puoi riattivarli uno per uno finché non trovi il colpevole.

 

Quando il sito si arresta di nuovo, ripetere il processo, ma questa volta non riattivare il plug-in danneggiato!

500 Internal Server Error: Tema Incompatibile

La disattivazione dei plugin non ha aiutato?

Potrebbe essere qualcosa a che fare con il tuo tema allora. Proprio come i plugin, puoi disabilitare forzatamente il tema attivo semplicemente rinominando la sua cartella, che troverai nella directory wp-content/themes/.

 

Se non riesci ancora ad accedere all'area di amministrazione dopo aver provato a rinominare sia i plug-in che il tema corrente, devi continuare con i passaggi successivi. Se riesci ad accedere, WordPress ti avviserà che è stato ripristinato un tema predefinito. A questo punto, puoi trovare un nuovo tema, contattare lo sviluppatore del tema per chiedere aiuto o provare a risolverlo da solo.

Per risolvere da soli o per fornire ulteriori spiegazioni per lo sviluppatore, vedere la sezione successiva Abilitare la modalità di debug di WordPress.

500 Internal Server Error: Bad file .htaccess

Se disattivando i plugin e il tema non si ottiene nulla, è possibile che il file .htaccess sia danneggiato in qualche modo. Questo è in genere il caso se è ancora possibile accedere all'area di amministrazione del sito, ma il front-end non funziona correttamente.

 

Il file .htaccess gestisce la conversione dei permalink (le belle versioni di un URL come /mio-blog-post), allo schema di URL interno brutto di WordPress (quello che si ottiene per impostazione predefinita, che assomiglia a /?P=12345). È una parte fondamentale di WordPress, ma i plugin a volte possono rovinarlo.

Soluzione:

Di nuovo, vai al tuo client FTP o file manager. Rinominare il file .htaccess nella directory principale della directory di installazione di WordPress con qualcosa come .htaccess_old. Se non riesci a vedere il file, devi abilitare la visualizzazione dei file nascosti, il cui metodo esatto varierà in base al tuo client FTP.

Il punto all'inizio del nome del file è un modo per dire "nascondi questo file" in Linux e in altri sistemi simili a UNIX.

Una volta che hai rinominato l'attuale .htaccess, torna all'area amministrativa di WordPress, quindi vai su Impostazioni> Permalink e, senza apportare modifiche, premi Salva. Questo genererà automaticamente una nuova versione funzionante del file.

Se hai apportato delle modifiche al file manualmente, queste andranno perse (ma non dovresti comunque modificare il file a mano).

Abilita la modalità debug di WordPress per tracciare gli errori

Possiamo abilitare un registro di debug all'interno della configurazione di WordPress, che potrebbe dare un indizio sul problema esatto, ma a questo punto sei da solo. Avrai bisogno di capire come risolverlo, il che richiederà abilità di codifica.

 

Per abilitare il log di debug, apri wp-config.php, che troverai nella directory root della tua installazione di WordPress. Fai molta attenzione a modificare questo file: potrebbe essere una buona idea fare prima una copia che puoi ripristinare in caso di modifiche involontarie.

 

Trova la riga che dice:

define('WP_DEBUG', false);

Se il tuo sito non viene visitato di frequente e non ti dispiace che i messaggi di errore vengano visualizzati da tutti, modifica la parola false in true. I messaggi di errore verranno visualizzati quando si carica il sito. Se preferisci mantenere privati i messaggi di errore, commenta l'intestazione digitando // all'inizio, quindi incolla quanto segue al di sotto di esso:

define('WP_DEBUG', true);
define('WP_DEBUG_LOG', true);
define('WP_DEBUG_DISPLAY', false);
@ini_set('display_errors',0);

Inizierà l'output degli errori in un file nella cartella del WP CONTENT chiamato error.log. Se si aggiorna il client FTP e non si vede nulla dopo circa un minuto, è possibile che WordPress non disponga dell'autorizzazione per creare il file. Creare manualmente un nuovo file error.log e dargli il permesso 666.

 

Attenzione: questo file continuerà a ingrandirsi finché non rimuovi quelle linee dalla tua configurazione. Non dimenticare di decommentare anche la riga originale. Leggi il file in qualsiasi editor di testo e controlla eventuali errori di PHP critici.

Nell'esempio, vedo molte note di PHP sul codice deprecato, ma queste non interromperanno effettivamente un sito.

Il tuo sito ha la memomoria piena?

Su un host condiviso, è possibile che il limite di memoria PHP venga raggiunto: WooCommerce, forum o post relativi potrebbero causare questo problema a causa della loro complessità. Se sei fortunato vedrai un messaggio di errore come "Errore irreversibile: dimensione di memoria consentita di xxx byte esauriti" ma non sempre.

 

Potresti riuscire a risolvere questo problema aggiungendo la seguente riga al tuo wp-config.php:

define('WP_MEMORY_LIMIT', '64M');

Errore 500 risolto? Ora fai i backup tutti i giorni!

Mantieni i plugin aggiornati per evitare conflitti con le nuove versioni di WordPress
Mantieni i plugin aggiornati per evitare conflitti con le nuove versioni di WordPress

La migliore difesa contro ogni tipo di errore critico di WordPress è di mantenere backup giornalieri e un backup manuale prima di ogni azione significativa. Inoltre, mantieni aggiornati plugin e temi: le nuove versioni di WordPress spesso infrangono il vecchio codice.

 

Può essere spaventoso quando il tuo sito va in crash, specialmente se è una fonte di guadagno per te e non solo un hobby. Seguendo questa guida ed essendo metodico, dovresti riaverlo presto.

 

Prendi in considerazione l'aggiornamento a un servizio di hosting WordPress gestito che gestisce i backup e le ottimizzazioni per te, rendendo inesistenti tali errori. 

 

Bluehost (usa questo link per ottenere uno sconto del 25%).

 


Scrivi commento

Commenti: 0